* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- Ferdinand Porsche [DivX Ita][TNTvillage] -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent Screener
Descrizione
Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent


Visit this info link: Link
Visit this info link: Link



Posted by serman

FERDINAND PORSCHE
I manager di Hitler [3/5]
La storia siamo noi






- Scheda tecnica del filmato -



Titolo: Ferdinand Porche
Serie: La storia siamo noi
Emittente: Rai3
Genere: documentario
A cura di: Giovanni Minoli
Audio: Italiano
Sottotitoli: n.d.



- Trama -

Il geniale progettista e designer Ferdinand Porsche nacque in Boemia il 3 settembre 1875 nel villaggio di Maffersdorf, poi denominato Leberec quando venne nuovamente ceduto alla Cecoslovacchia. Figlio di un umile stagnaio sviluppò subito un forte interesse verso le scienze ed in particolare verso lo studio dell\'elettricità. In casa sua Fedinand cominciò infatti a condurre rudimentali esperimenti con acidi e batterie di ogni tipo. Il suo acume arrivò perfino a fargli costruire un marchingegno in grado di produrre elettricità, tanto che la sua famiglia divenne una delle prime a poter utilizzare questa fonte di energia in quello sperduto paese. Inoltre, già da bambino era un entusiasta, oltre che di tutti i ritrovati tecnici in generale, in particolare delle automobili, di cui alcuni esemplari cominciavano all\'epoca a circolare per le strade.

La sua inclinazione verso le materie di tipo scientifico lo portò a Vienna dove, nel 1898, dopo aver conseguito studi adeguati, riuscì ad entrare nella fabbrica di automobili elettriche di Jakob Lohner. Questa fu la prima tappa di una lunga e del tutto unica carriera nel settore automobilistico. Basti dire che alla fine della sua attività Porsche aveva all\'attivo più di trecentottanta progetti industriali.

Attorno al 1902 fu chiamato a svolgere il servizio militare nelle Riserve imperiali, prestando servizio come autista per i più alti ufficiali dell\'esercito austro-ungarico. E\' stato persino l\'autista di Francesco Ferdinando il cui successivo assassinio scatenò la prima guerra mondiale. In seguito, si sposò con Louise, che gli diede due figli. Uno di essi, Ferdinand jr. (molto importante, come si vedrà , per il futuro dei Porsche), venne soprannominato \"Ferry\". Come pioniere del design automobilistico, comunque, Porsche guadagnò in fretta una buona somma di denaro. Con i soldi, comprò una casa estiva sulle montagne Austriache (chiamata, in onore della moglie, \"Louisenhuette\", dove Porsche potè guidare e sperimentare le macchine che costruiva. Allo stesso modo, patito com\'era di tutto quanto avesse un motore, era uso sfrecciare sulla calme acque dei laghi montani con barche costruite sempre da lui. Qui poi, in seguito il suo figlio prediletto, \"Ferry\", all\'età di soli dieci anni guidava piccole macchine costruite dal padre.

Finita la prima guerra mondiale, con il paese in ginocchio e con il giogo economico derivato dallo sforzo della ricostruzione, solo pochi facoltosi potevano permettersi un\'automobile. A partire da questa constatazione prese il via uno dei progetti più ambiziosi di Porsche: costruire una macchina economica che tutti potevano permettersi, un\'utilitaria con basso prezzo d\'acquisto e ridotti costi di gestione che, stando alle sue intenzioni, avrebbe motorizzato la Germania. Porsche si era già creato un\'ottima reputazione, avendo lavorato come direttore tecnico all\'Austro-Daimler, alla Daimler tedesca (che più tardi sarebbe diventata la Mercedes), disegnando le Mercedes SS e SSK nonché macchine da corsa, per poi passare all\'austriaca Steyr. Il continuo girovagare tra fabbriche diverse, che una volta lasciate portavano comunque a termine i progetti di cui lui aveva creato i presupposti, non poteva però soddisfare il suo mai sopito desiderio di autonomia.

Propose comunque, nel 1929, la sua idea al suo capo Daimler che, timoroso di avventurarsi in un\'impresa del genere, rifiutò. Così Porsche decise di fondare uno Studio privato di progettazione che portasse il suo nome. Questo gli permise di stipulare contratti con le case costruttrici e di mantenere allo stesso tempo una certa indipendenza. Nel 1931, si mise a collaborare con Zündapp che era un produttore di motociclette. Insieme costruirono tre prototipi, che però presentarono subito gravi problemi apparentemente irrisolvibili (dopo dieci minuti di funzionamento i motori puntualmente fondevano). Zündapp, a questo punto, sfiduciato, si ritirò. L\'inarrendevole Porsche, invece, andò in cerca di un altro partner, che trovò nella NSU, un\'altra ditta costruttrice di motociclette. E\' il 1932. Coniugati gli sforzi, insieme migliorano il motore e lo rendono molto più affidabile, anche se questo, dal punto di vista della riuscita sul mercato, non basta. Incombono ancora, infatti, pesanti problemi finanziari. Anche la NSU dunque abbandona, lasciando nuovamente l\'intraprendente progettista da solo e alla ricerca di un nuovo partner che potesse finanziare la realizzazione del suo sogno.

Intanto però qualcun altro inseguiva lo stesso progetto di Porsche. Qualcuno di molto più grande, di più solido e con maggiori risorse economiche: si trattava delle neonata \"Wolks Vagen\", nome che letteralmente significa \"Macchina del popolo\". Risale a quel tempo l\'invenzione da parte di questa casa automobilistica, del mitico \"Maggiolino\", seppur nella sua forma rudimentale. Questa vettura, poi, ebbe una sorte curiosa, che coincise con il percorso di Porsche. Infatti, mentre Porsche si arrabattava con i suoi progetti, si scatenò la Seconda guerra mondiale. In quell\'epoca, quella che doveva essere \"la macchina del popolo\", il Maggiolino, si trasformò anch\'essa in una vettura da combattimento. E proprio Ferdinand Porsche venne chiamato a modificare per i nuovi scopi il progetto. In breve vennero approntate nuove versioni del Maggiolino, adatte per i più disparati impegni sui campi di battaglia. In seguito, Porsche disegnò anche carri armati alimentati dall\'energia elettrica. Quando Stuttgart fu pesantemente bombardata nel 1944 dagli aeroplani degli Alleati, Porsche e la sua famiglia erano comunque già tornati alla loro casa estiva in Austria. Alla fine della guerra fu però messo agli arresti domiciliari, anche se le autorità militari francesi in seguito invitarono l\'anziano e distinto progettista a tornare in Germania per discutere la possibilità di costruire una macchina \"Wolksvagen\" per la Francia.

E\' il momento però in cui entra in campo invece il giovane Porsche, dal talento non inferiore a quello del padre. Liberato il padre dalla prigionia francese, Ferry Porsche, che era nato nel 1909 e da sempre aveva collaborato nei progetti paterni, riunì nel paese austriaco di Gmünd i collaboratori più validi dello Studio Porsche per realizzare un coupè sportivo che portasse il suo nome. Nacque così il progetto 356, una piccola vettura sportiva basata sulla meccanica del Maggiolino che traeva spunto dalla Typ 60K10. Furono di questi anni i successi sportivi con le celeberrime auto da corsa a 16 cilindri, con motore centrale e barre di torsione che lo Studio progettò per il gruppo Auto Union. Porsche aveva sempre dato importanza alle competizioni sportive, lui stesso aveva vinto nel 1909 la coppa \"Prinz Heinrich\" a bordo di un\'Austro-Daimler, ed aveva capito che le gare oltre a valido test per materiali e soluzioni rappresentavano un ottimo mezzo pubblicitario.

Ferry Porsche prese in mano le redini del destino del nome paterno dopo aver lanciato, nel 1948, diverse fabbriche con l\'aiuto appunto del padre, ormai settantacinquenne e che morirà qualche anno dopo (precisamente nel 1951). Da quel momento in poi, il marchio Porsche è diventato distintivo di macchine sportive altamente raffinate e dalla linea unica, di cui la punta di diamante è rappresentata dalla mitiche e forse inarrivabili 911 e Boxster. In seguito, Ferry progetta nel 1963 la Carrera 904 e qualche anno dopo la fortunatissima 911.

Lasciata la Porsche AG nel 1972, fonda la Porsche Design, dove, con un limitato numero di collaboratori si dedica alla progettazione di veicoli sperimentali e di vari oggetti, caratterizzati da un look aggressivo e high-tech sostanzialmente fedele ai criteri del funzionalismo, tutti destinati alla produzione di grande serie, di cui cura solo l\'aspetto stilistico-formale senza entrare in merito all\'ingegnerizzazione.


- Scheda tecnica  del DivX<:::
::::> dati ottenuti con GsSpot  Ver. 2.70a <::::

Dimensione: 330MB
Durata: 00:56:03
Video CodecivX 5.X
Video Bitrate: 783 kb/s
Risoluzione: 720x576
FPS (Frames/sec):25
QF (Frame quality): 0,076. b/p
Audio Codec: Mp3
Audio Bitrate: 32kb/s
Freq Audio: 11.025Hz

*Note: Orari di seed 19,00-6,00 e banda disponibile 150kb

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash 69b0aff20dde508dc912e68a2f7060f882bad14d
Peers seeds: 5 , leech: 8
Size 330.81 MB
Completato 207x
Aggiunto 14.07.09 - 12:07:26
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento