* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- Shoah [4/6] Fabbriche della morte [TVRip Ita] [Tntvillage] -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent Screener
Descrizione
Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent






Shoah (4/6)

Fabbriche della morte

di
Maurice Philip Remy


La storia siamo noi

by Tricco

- Scheda del documentario -

Dopo 4 giorni dall’inizio dell’invasione della Polonia la città di Oswiecim, una delle prime ad essere occupate, faceva già parte del Terzo Reich. I nazisti cambiarono il suo nome in Auschwitz. Tre elementi contribuirono a fare di questa località la terra ideale per la creazione della più grande fabbrica di morte mai realizzata: il fatto di avere una popolazione esigua, la presenza di un nodo ferroviario molto importante e, infine, l’esistenza, fuori dal centro abitato, degli edifici di una vecchia caserma dell’esercito polacco.
Fu Heinrich Himmler, comandante supremo delle SS, a scegliere il 27 aprile del ’40 la caserma di Oswiecim come luogo per un campo di concentramento. Era suddivisa in 22 edifici di cui 8 a due piani ma diede subito ordine che ne venissero ampliate le capacità. Con il lavoro degli internati, nei due anni successivi, venne aggiunto un piano ad ogni edificio e ne vennero costruiti altri fino ad un totale di 28, che potevano contenere fino a 17.000 unità. Inizialmente il campo doveva ospitare prigionieri politici polacchi ma successivamente i nazisti iniziarono a deportarvi gente da tutta Europa, specie ebrei e soldati sovietici.


veduta aerea del KL Auschwitz I

Il 4 maggio 1940 fu nominato comandante del campo Rudolf Hoss e nel successivo 14 giugno vi entrarono i primi prigionieri: 728 polacchi, già detenuti nel carcere di Tarnow per motivi politici. Come Kapò e capi blocco furono scelti 30 criminali comuni recuperati nelle prigioni di Sachsenhausen. In agosto entrò in funzione il crematorio ( krematorium I -situato fuori del recinto del lager) mentre l’obitorio, già esistente nello stesso edificio, fu convertito in camera a gas. I tre forni funzionarono negli anni 1940-1943 ( la capacità di cremazione era di 350 corpi in 24 ore) per poi essere smantellati dopo la costruzione dei 4 Krematorium di Birkenau. Attualmente il visitatore può vedere due dei tre forni riallestiti con elementi originali. Della costruzione del crematorio se ne occupò la ditta Topf&Soehne di Erfurt, a cui fu affidata, nel corso di quegli anni, tutta la produzione degli impianti di morte usati nei campi di sterminio di Auschwitz. Esattamente davanti all’entrata del crematorio, nel posto dove nel periodo di attività del campo si trovava la baracca della Gestapo, il 16 aprile 1947 sarà eseguita la sentenza di condanna a morte del primo comandante di Auschwitz Rudolf Hoss.



Con l’aumentare del numero degli internati si espandeva l’area territoriale del campo, che si trasformò in un enorme complesso di sterminio. Il campo di concentramento di Oswiecim, ossia il Konzentrationlager (KL) Auschwitz I divenne il campo madre (Stammlager) per tutta la rete di nuovi campi che nacquero nel giro di pochi mesi. Infatti nel marzo 1941 Himmler diede ordine a Rudolf Hoss di edificare un nuovo lager che potesse contenere fino a 100.000 unità. L’attuazione di questo progetto vide la distruzione del villaggio di Brzezinka, a 3 km di distanza dal campo madre, e la nascita del KL Auschwitz II-Birkenau. Un ulteriore campo fu costruito nel 1942 a Monowice che fu chiamato Auschwitz III. Ancora tra il ’42 e il ’44 sorsero circa 40 filiali dipendenti dal KL Auschwitz III, collocate per lo più nelle vicinanze di fonderie, miniere e fabbriche:questi lager furono un ricco affare per i nazisti che poterono sfruttare per anni i prigionieri come manodopera nelle fabbriche del territorio E’ evidente, quindi, che quando si parla di Auschwitz si fa riferimento a tutta una serie di realtà di oppressione e sterminio che funzionarono tra il 1940 e il 1945 in questa regione. Ma in Polonia, nello stesso periodo, sono state in funzione anche altre fabbriche di morte tra cui ricordiamo Treblinka, Majdanek, Sobibor, Belzec


Heinrich Himmler -- Rudolf Hoss

Fu lo stesso comandante Hoss che, per prepararsi all’attuazione della “Soluzione Finale della questione ebraica”, si mise alla ricerca di un metodo di sterminio di massa che fosse veloce, economico e letale per il maggior numero di persone. Sperimentò la gassazione di uomini mediante un disinfestante che veniva solitamente usato contro i pidocchi: lo Zyklon B. Si trattava di piccole pasticche o granuli impregnati di gas cianidrico, un potente veleno che provocava la morte dopo un’agonia di 10-15 minuti (i granuli rilasciavano l\'acido cianidrico in forma di gas quando venivano rimossi dai loro contenitori sottovuoto; circa 5 kg di Ziklon B erano sufficienti per uccidere 1.000 persone in pochi minuti). La prima sperimentazione fu realizzata nel luglio del ’41 nel blocco 11 del KL Auschwitz I su 600 prigionieri di guerra sovietici e 250 malati gravi polacchi.


barattolo di Ziklon B

L\'essere deportati ad Auschwitz significò la morte per oltre un milione e mezzo di persone. All’arrivo a Birkenau i prigionieri, subito divisi tra uomini e donne, venivano ulteriormente selezionati solo in base all’aspetto fisico: gli “utili”, cioè quelli resistenti agli sforzi fisici, erano spediti nelle baracche di prigionia mentre gli “inutili”, ossia gli inabili al lavoro, venivano immediatamente condotti verso le camere a gas.
Per quanto possa sembrare assurdo le centinaia di migliaia di persone che scendevano dalla rampa del treno sullo scalo ferroviario di Birkenau e si avviavano in file ordinate verso le camere a gas erano del tutto tranquille. Dalle poche fotografie che ci sono giunte si vedono famiglie intere col volto sereno e bambini che sorridono mentre attendono di entrare nello spogliatoio antistante la sala da cui non usciranno vivi. Le SS avevano predisposto le cose in modo che i prigionieri non avessero idea di ciò che le attendeva: si dovevano evitare disordini e non insospettire i deportati che dovevano credere di essere giunti inun campo di lavoro. Per cui tutto ciò che gli si presentava davanti agli occhi doveva essere rassicurante, in modo che tutto procedesse in ordine e velocemente.



Ogni cosa contribuiva ad ingannare i nuovi arrivati: prigionieri con uniformi a righe che con calma davano istruzioni, medici che valutavano il loro stato di salute ( in realtà selezionavano i più sani per sfruttarli nelle fabbriche), soldati che si limitavano ad osservare con distacco…Gli stessi Krematorium visti da fuori sembravano innocui edifici adibiti a fabbrica.
Via via, in grossi gruppi, i prigionieri sparivano lungo le scale che conducevano agli spogliatoi. Qui gli si raccomandava di lasciare gli abiti in ordine per poi riprenderli dopo la doccia, gli si chiedeva di legare le scarpe tra loro perché non si perdessero…Quel che avveniva dopo era un massacro. Condotti attraverso un corridoio in quella che tutti pensavano fosse la sala docce, veniva chiusa alle loro spalle la porta stagna e dall’alto, attraverso delle griglie in metallo, veniva introdotto lo Ziklon B. Mentre il gas si propagava una guardia spegneva la luce. Dopo circa 20 minuti tutto era finito. Nessuno più URLava né si muoveva.
Fatta circolare aria pulita nella stanza, intervenivano gli uomini del Sonderkommando, detenuti ebrei a cui erano affidati i penosi compiti di districare i corpi ammucchiati, lavarli con potenti getti d’acqua, tagliare i capelli alle donne ed estrarre protesi e denti d’oro. Infine i corpi venivano collocati sul montacarichi che li destinava alla sala dei forni. Dei corpi rimanevano solo le ceneri che venivano immediatamente sparse nel fiume vicino o usate per fertilizzare i campi. A volte, in inverno, venivano sparse lungo le strade perché non si scivolasse sul ghiaccio.



- Scheda tecnica -

[ Info sul file ]
Nome: La storia siamo noi - Shoah - Parte 4 - by Tricco [720x480 x264 AAC].mkv
Data: 7/02/2009 14:50:15
Dimensione: 638,199,043 bytes (608.634 MB)

[ Dati rilevanti ]
Risoluzione: 720 x 480
Larghezza: multipla di 16
Altezza: multipla di 32

[ Traccia video ]
Codec ID: V_MPEG4/ISO/AVC
Risoluzione: 720 x 480
Frame aspect ratio: 3:2 = 1.5
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 3:2 = 1.5
Framerate: 25 fps

[ Traccia audio ]
Codec ID: A_AAC (AAC Low complexity)
Canali (contenitore): 2
Frequenza: 24000 Hz
Frequenza di output: 48000 Hz

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash 283978395639eeface814eb486f5874604b1708e
Peers seeds: 1 , leech: 5
Size 608.63 MB
Completato 163x
Aggiunto 17.07.09 - 09:07:24
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento