* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- L ostaggio di Tian An Men (La Storia siamo noi) [DivX Ita Mp3] [Tntvil -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent DVDrip
Descrizione
Posted by serman

L\'OSTAGGIO DI THIAN AN MEN
La storia siamo noi
di Giovanni Minoli



Evidenzio WROTE:
Visit the YouTube link: YouTube Link




- Scheda tecnica del filmato -



Titolo: L’ostaggio di Tian An Men
Serie: La storia siamo noi
Emittente: Rai3
Trasmesso il: 18/05/2009
Genere: documentario
A cura di: Giovanni Minoli
Audio: Italiano
Sottotitoli: n.d.


- Tian An Men -

Cina a vent’anni dal massacro

In questi venti anni il paese ha avuto un grandissimo sviluppo economico. Ma la situazione dei diritti umani resta problematica. Ha il record mondiale delle esecuzioni capitali. La tortura in carcere continua ad essere una pratica diffusa.

A giugno di quest’anno ricorrono i 20 anni dal massacro di piazza Tian An Men. L’immagine dello studente che da solo ha fermato una colonna di carri armati ha fatto il giro del mondo diventando un’icona di quella protesta che tutti conosciamo. A 20 anni dai fatti di Tian An Men viene spontaneo domandarsi a che punto si è arrivati nell’affermazione dei diritti umani, dei diritti politici e civili della popolazione cinese.

- La repressione del 1989 -

Ma prima facciamo un passo indietro per ricordare gli avvenimenti di quei giorni. Il 1989 è stato un anno ricco di eventi significativi: la stesura della Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo o la caduta del muro di Berlino e la conseguente fine dei regimi comunisti dell’Est Europa. Ma per la Cina, il 1989 è l’anno delle richieste degli studenti soffocate nel sangue. Le prime manifestazioni di dissenso erano iniziate il 15 aprile durante i funerali di Hu Yaobang, ex collaboratore di Deng Xiaoping che era stato allontanato dalla vita politica perché considerato troppo riformista. Dopo l’accusa mossa da Deng nei confronti dei manifestanti di complottare contro il governo, nei giorni successivi circa 100.000 tra studenti e lavoratori sfilarono per le strade di Pechino chiedendo libertà di espressione e una maggiore rappresentanza politica. Il 13 maggio circa 2000 studenti si radunarono a piazza Tian An Men dove venne eretta la statua in polistirolo e cartapesta alta dieci metri della Dea della Democrazia, simbolo del desiderio di libertà.
Deng Xiaoping, capo della Commissione Centrale Militare, decise di dichiarare la legge marziale e di reprimere con la forza le proteste. Un tentativo di stabilire un qualche dialogo fu fatto dall’allora segretario del Partito comunista, Zhao Ziyang, ma il suo appello non ebbe alcun risultato se non quello di essere esautorato e messo agli arresti domiciliari fino alla sua morte.
Le proteste continuarono e la situazione degenerò proprio la notte tra il 3 e il 4 giugno. Quella notte l’esercito raggiunse piazza Tian An Men per sgomberare i gruppi di manifestanti e iniziò a sparare. La protesta fu duramente soffocata nel sangue.
Ancora oggi non si ha una stima delle vittime e il governo cinese continua a non voler condurre un’indagine su quanto successe quella notte.
Proprio per ricordare le vittime di tale repressione, Ding Ziling (docente universitaria in pensione e madre di un ragazzo che in quella terribile notte a soli 17 anni perse la vita) ha fondato il movimento delle Madri di Tian An Men. Tale movimento è composto da circa 130 attivisti, per lo più donne, che hanno perso in quella notte figli o parenti e che oramai da 20 anni lottano affinché il governo ammetta le proprie responsabilità nelle violazioni dei diritti umani perpetuate contro migliaia di manifestanti. Le autorità hanno addirittura più volte arrestato la stessa Ding durante i suoi tentativi di accudire la tomba del figlio assassinato. Ma le vittime non sono solo quelle di Tian An Men: infatti, nei giorni successivi il governo mise in atto una feroce caccia ai contestatori che furono incarcerati e sottoposti a terribili torture.

- Diritti umani oggi -

A 20 anni dalla strage di Tian An Men, cosa è cambiato a livello di rispetto dei diritti umani in Cina? È servito a qualcosa il sangue di tanti giovani o non è riuscito a smuovere le coscienze neanche di quei paesi occidentali che tanto si erano sdegnati davanti a quel massacro?
Analizzando il rapido sviluppo economico del paese si nota chiaramente che esso non è andato di pari passo con un maggior rispetto dei diritti umani. In base ai dati forniti da Amnesty International, la Cina è responsabile del più alto numero di esecuzioni nel mondo e, sebbene i dati relativi alla pena di morte siano segreto di Stato, si teme che si raggiungano cifre di migliaia di persone l’anno.
Per quel che riguarda il sistema giudiziario, sempre Amnesty denuncia come circa 500.000 persone (utilizzando il sistema di “rieducazione attraverso il lavoro” e altre forme di detenzione amministrativa) siano state sottoposte a pene detentive senza accusa né processo. A questo si aggiunge il fatto che la tortura in carcere è una pratica molto diffusa.
La libertà di espressione e di opinione sono altri diritti non rispettati in Cina. Dall’arrivo di internet nel paese nel 1994, il governo ha tentato di controllare e censurare le informazioni ritenute pericolose e dannose. Gli oltre 111 milioni di utenti cinesi sono sottoposti a un controllo serrato e le aziende straniere forniscono al governo la sofisticata tecnologia che serve per bloccare il contenuto di internet. Un esempio denunciato da Amnesty International in occasione delle Olimpiadi del 2008 è quello del motore di ricerca Google. Questo infatti, ha realizzato per il mercato cinese una sua versione censurata: google.cn. Inserendo in esso parole come “diritti umani”, la ricerca non fornisce nessun risultato.
Anche la libertà di religione non viene garantita in Cina. Sempre AI denuncia come seguaci del Falung Gong, uiguri musulmani, buddisti tibetani e gruppi cristiani clandestini siano stati vittime di dure persecuzioni. A dure repressioni sono stati sottoposti anche la minoranza etnica degli uiguri della regione autonoma dello Xinjang e i tibetani. A questi sono state vietate le libertà di religione, di espressione e di associazione. La repressione dei monaci tibetani ha invaso anche le nostre case nel periodo dei Giochi Olimpici del 2008, ma sembra essere stata dimenticata presto davanti alle nuove notizie e alle nuove emergenze.
Il quadro che emerge dall’analisi della situazione dei diritti umani in Cina non è certo confortante. Numerosi sono i diritti non rispettati mentre l’occidente sembra preoccupato solo a stabilire buoni rapporti economici con questa nuova potenza mondiale.
Ancora una volta ci troviamo a riflettere su come gli interessi economici siano più forti di quelli relativi ai diritti umani. A 20 anni da Tian An Men, quindi, rimane la domanda: cosa ha lasciato in Cina e nel mondo il massacro di tanti innocenti?

- Scheda tecnica  del DivX<:::
::::> dati ottenuti con GsSpot  Ver. 2.70a <::::


Evidenzio WROTE:
--- Informazioni sul File  ---

Titolo:La storia siamo noi-090518-La carta cinese.L\'ostaggio di Thian\'Anmen.avi
Dimensione File (in bytes):515,163,752
Durata (hh:mm:ss):52:55.120
Numero di tracce Audio :1

--- Informazioni Video ---

Nome Codec VideoivX 5.x/6.x
Numero Frame:79378
Larghezza Frame(pixels):512
Altezza frame(pixels):384
Display Aspect Ratio (\"DAR\":1.333
FPS:25.000
Video Bitrate (kbps):1192
QF:0.243

--- Informazioni Audio Traccia 1 ---

Codec audio:0x0055 MPEG-1 Layer 3
Freq.audio (Hz):44100
Bitrate(kbps):96
Tipo:CBR
Canali:2



Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash e60962a8345c0009be35b8c1707048d8d22eb366
Peers seeds: 8 , leech: 18
Size 491.30 MB
Completato 91x
Aggiunto 25.09.09 - 15:09:48
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento