* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- Babel - Inarritu [XviD - Ita Mp3] [Tntvillage] -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent DVDrip
Descrizione
Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent

Babel - Inarritu





.::.Scheda.::.
Visit the IMDB link: IMDB Link


.::.Covers.::.









Un film affascinante ed emozionante, che esplora con un realismo sconvolgente la natura delle barriere che sembrano dividere il genere umano

VINCITORE DEL PREMIO OSCAR® COME MIGLIOR COLONNA SONORA
VINCITORE DEL PREMIO ALLA REGIA AL FESTIVAL DI CANNES
VINCITORE COME MIGLIOR FILM STRANIERO AI DAVID DI DONATELLO



.::.Trama.::.
Un film del regista ossessionato dalle coincidenze del destino e dalle storie parallele ambientato in Messico, Marocco, Giappone e USA, quattro paesi in cui i protagonisti (Brad Pitt, Cate Blanchett, Gael Garcia Bernal, Koji Yakusho e Adriana Barraza) sono o si sentono stranieri. Un colpo di fucile sparato per caso da due ragazzini marocchini colpisce un\'americana in vacanza con il marito. I figli della coppia tenuti a bada da una domestica messicana si perdono nel deserto. Un\'inquieta adolescente giapponese sordomuta alla ricerca dell\'amore in una Tokyo alienante e caotica si scopre figlia del mercante d\'armi da cui proviene il fucile che ha ferito la turista americana. Sono tutti collegati tra di loro da coincidenze ineluttabili. In un mondo sempre più piccolo, ma con distanze incolmabili tra le persone.


.::.Recensione.::.
Cannes - La Bibbia racconta che Babele era una torre altissima, costruita dagli esseri umani con lo scopo di raggiungere il paradiso; questo tentativo provocò la collera di Dio che, per punire l\'umanità della sua presunzione, divise gli uomini attraverso la creazione di diverse lingue: da allora cominciarono i nostri problemi di comunicazione. Partendo da questo assunto biblico, Aleandro Gonzalez Inarritu chiude con \"Babel\" la sua personale trilogia \"dei sentimenti\", iniziata con l\'ottimo \"Amores Perros\" (2000) e proseguita nel 2003 con l\'indigeribile 21 Grammi. Il regista messicano ha dichiarato: \"Sono sempre stato attirato dalle coincidenze e dalle storie parallele.
Io vedo la vita come una successione di segmenti; la linearità e la cronologia non mi sembrano in grado di rendere giustizia alla realtà dell\'esistenza\". E infatti anche Babel ripropone una costruzione narrativa ad incastro, nella quale il montaggio assume un\'importanza fondamentale: in pieno deserto marocchino, uno sparo vagante finirà per unire le esistenze di due turisti americani (Brad Pitt e Kate Blanchet), due bambini marocchini, un\'immigrata messicana e una studentessa giapponese sordomuta. Inarritu utilizza l\'imprevedibilità della vita come \"scusa\" per smascherare la difficoltà umana (ad ogni latitudine) nell\'accettare l\'assenza, la rottura dei legami, in altre parole: nell\'affrontare la solitudine. Nonostante il titolo del film abbia un significato simbolico, Babel non si concentra unicamente sulle barriere linguistiche viste come massima espressione dell\'incomunicabilità tra i popoli; la difficoltà linguistica è un vettore con il quale Inarritu e lo sceneggiatore Guillermo Arringa ci parlano di immigrazione, difficoltà di coppia, amore paterno, educazione e tolleranza. Il confronto/scontro culturale rimane però sempre sullo sfondo, proprio perché sono i personaggi ad essere al centro dell\'attenzione, così come è dal loro punto di vista che seguiamo l\'incedere della vicenda. A differenza del precedente \"21 Grammi\", Inarritu rimane \"lontano\" dall\'azione, non perde di vista la narrazione in funzione dello \"stile a tutti i costi\" e non si lascia andare ad eccessi melodrammatici: la giuria (e il pubblico) lo ringrazia ricompensandolo con il Premio per la miglior Regia.


.::.Intervista al regista.::.
Ancora una volta lei riflette sul caso, sulle coincidenze che legano la vita di tutti noi. Come è nata l\'idea del film e perché ha scelto quelle location?
Alejandro Gonzalez Inarritu: \"Babel\" è la terza parte di una mia trilogia: \"Amoresperros\" partiva da una prospettiva locale, per me familiare. \"21 grammi\" invece si svolgeva in un territorio straniero. Il trittico si doveva concludere naturalmente con una visione \"globale\". Nel mio primo film c\'erano tre storie che si intersecavano, nel secondo una sola storia con tre punti di vista, in \"Babel\" ci sono quattro storie apparentemente scollegate tra loro: i personaggi di ognuna non si incontrano mai fisicamente con quelli dell\'altra, eppure senza neanche saperlo un semplice gesto può avere ripercussioni inimmaginabili. In questo caso si vede come l\'ignoranza, l\'irresponsabilità e l\'immaturità possano inconsapevolmente portare alla spirale dell\'odio e della violenza. Per quanto riguarda la scelta delle ambientazioni, mi affascinava da tempo l\'incontro con la cultura musulmana, e anche il Giappone.. un paese così contraddittorio, così misterioso.. L\'ambientazione tra Messico e Stati Uniti deriva invece dalla mia esperienza di autoesilio…

Cosa intende esattamente per \"autoesilio\"?
Alejandro Gonzalez Inarritu: Io attualmente vivo negli Stati Uniti, non nel mio paese, il Messico: porto sempre con me l\'esperienza di uno che è nato e cresciuto in uno Stato povero, anche se adesso la mia vita si svolge all\'interno della prima potenza mondiale, dove lo cose si vedono e si pensano in maniera completamente diversa… Come artista questa è una cosa affascinante, ricca di spunti, ma per il resto lo vivo come un \"divorzio\" temporale, è solo una questione di lavoro…

Lei sembra dare un\'immagine molto critica nei confronti dell\'istituzione della polizia…
Alejandro Gonzalez Inarritu: Sì, è vero.. anche questo deriva un po\' dal mio bagaglio personale.. Ogni sei mesi devo rinnovare il permesso di soggiorno negli Stati Uniti, e francamente non posso non notare che coi poliziotti è spesso molto difficile dialogare: sono un elemento di repressione, troppe volte si sentono investiti di ruolo che non concede spazio all\'ascolto… Ma il mio non è un film sulla tolleranza..\"tolleranza\" è una parola che non mi piace, presuppone l\'idea di repressione..\"Babel\" parla invece di compassione, l\'ascolto, l\'unica maniera per abbattere i confini e le barriere che ci sono fuori e soprattutto dentro ognuno di noi. Io stesso sono cambiato durante le riprese. Ad un certo punto sul set si parlavano sei lingue diverse, e per farsi capire potevano anche volerci ore, dato che uno stesso concetto poteva avere molte sfumature diverse per ogni lingua. Ecco, è proprio da questa difficoltà data dalla diversità linguistica che ho dovuto per forza di cose fa crescere di me la capacità di ascolto. Ora sento di aver imparato a rispettare di più il prossimo…

Babel, un titolo biblico. Quale messaggio vuole che si percepisca?
Alejandro Gonzalez Inarritu: Io nei miei film non trasmetto messaggi: credo solo che la vita sia un insieme di momenti felici e momenti tristi. Quello che voglio far notare è che la società di oggi impone che non ci siano le sfumature.. siamo troppo per il bianco e il nero, non esiste più il grigio.. Ad esempio dalla mia esperienza nelle riprese del film in Marocco ho riscontrato molta più apertura e disponibilità che in altri paesi, dunque il fatto che ci sia una fazione radicale e integralista all\'interno di quella cultura non vuol dire che sia tutta così…

Il film è molto laico..
Alejandro Gonzalez Inarritu: Il film è molto \"terreno\". Affronta temi primitivi, indipendentemente da qualsiasi religione. E\' sugli esseri umani, non sui cattolici o sui musulmani. La religione polarizza, crea differenze. Così come non è un film politico, è piuttosto sulla politica dell\'intimo, sulle tante barriere che si creano all\'interno dei rapporti più stretti, quelli familiari, moglie-marito, padri-figli. Sono partito per questo progetto da quello che ci divide, e poi mi sono reso conto mentre lo stavo realizzando che stavo girando un film su quello che ci unisce: la sofferenza. In \"Anna Karenina\" Tolstoi diceva che ciò che unisce le famiglie è la felicità: ecco, io la penso esattamente al contrario! La sofferenza per me è empatia, l\'unico elemento che realmente ci avvicina.. Non a caso ci fa tanto male l\'incapacità di amare le persone cui vogliamo più bene.

Una domanda per il direttore del doppiaggio italiano del film:quando la pellicola uscirà nelle sale come si risolverà il problema del doppiaggio?
Direttore doppiaggio: Inarritu ci ha chiesto di non doppiare il film. All\'inizio ci è parsa una cosa difficile da accettare, ma dopo aver visto la pellicola a Cannes abbiamo capito e condiviso la richiesta. Il doppiaggio si limiterà solo ad alcune scene, il resto sarà tutto sottotitolato, al fine di mantenere intatta la \"magia\" del film. E\' la prima volta che un film di questo spessore artistico e commerciale esce nelle sale con una così forte componente di sottotitolatura. E\' un esperimento rischioso se si considera che il pubblico italiano non è affatto abituato a questo, ma \"Babel\" è talmente bello che non ne risentirà affatto.


.::.Screenshot.::.




.::.Scheda tecnica.::.
[ Info sul file ]

Nome: Babel - Inarritu.avi
Data: 4/10/2009 18:58:40
Dimensione: 1,416,742,376 bytes (1351.111 MB)

[ Info generiche ]

Durata: 02:17:33 (8253 s)
Tipo di contenitore: AVI
Streams totali: 2
Tipo stream n. 0: video
Tipo stream n. 1: audio
Audio streams: 1
Sezioni AVI corrotte: idx1

[ Dati rilevanti ]

Risoluzione: 656 x 352
Larghezza: multipla di 16
Altezza: multipla di 32
DRF medio: 3.672973
Deviazione standard: 0.773332
Media pesata dev. std.: 0.771790

[ Traccia video ]

FourCC: xvid/XVID
Risoluzione: 656 x 352
Frame aspect ratio: 41:22 = 1.863636 (~1.85:1)
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 41:22 = 1.863636 (~1.85:1)
Framerate: 25 fps
Frames totali: 206325 (0)
Stream size: 1,238,201,703 bytes
Bitrate: 1200.243986 kbps
Qf: 0.207913
Key frames: 3133 (0; 250; 366; 616; 866; ... 20624
Null frames: 0
Min key int: 1
Max key int: 250
Key int medio: 65.855410
Ritardo: 0 ms

[ Traccia audio ]

Audio tag: 0x55 (MP3)
Bitrate (contenitore): 160 kbps CBR
Canali (contenitore): 2
Frequenza (contenitore): 48000 Hz
Chunks: 343872
Stream size: 165,058,537 bytes
Preload: 0 ms
Max A/V diff: 2872 ms
Tipo: MPEG-1 Layer III
MPEG frames: 343871
Durata: 02:17:33 (8252.904 s)
Chunk-aligned: No
Emphasis: none
Mode: joint stereo
Ritardo: 0 ms

[ Info sulla codifica MPEG4 ]

User data: XviD0046
Packed bitstream: No
QPel: No
GMC: No
Interlaced: No
Aspect ratio: Square pixels
Quant type: H.263
Frames totali: 206325
Drop/delay frames: 0
Frames corrotti: 0

I-VOPs:   3133 (  1.518 %)
P-VOPs: 202422 ( 98.108 %)
B-VOPs:      0 (  0.000 %)
S-VOPs:      0 (  0.000 %)
N-VOPs:    770 (  0.373 %)

[ Analisi DRF ]

DRF medio: 3.672973
Deviazione standard: 0.773332
DRF max: 6

DRF<2:     0 (  0.000 %)
DRF=2:  5832 (  2.837 %)
DRF=3: 82459 ( 40.115 %)
DRF=4: 96476 ( 46.934 %)
DRF=5: 14675 (  7.139 %)
DRF=6:  6113 (  2.974 %)
DRF>6:     0 (  0.000 %)

I-VOPs DRF medio: 4.058091
I-VOPs deviazione std.: 0.696859
I-VOPs DRF max: 5

P-VOPs DRF medio: 3.667012
P-VOPs deviazione std.: 0.772949
P-VOPs DRF max: 6

[ Profile compliancy ]

Profilo da testare: MTK PAL 6000
Risoluzione: Ok
Framerate: Ok
Min buffer fill: 81%

Rapporto generato da AVInaptic (18-11-2007) in data  5 ott 2009, h 15:13:11
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash ab4500570648fd4b8a8069e3429b292c92a0220f
Peers seeds: 4 , leech: 131
Size 1.32 GB
Completato 11x
Aggiunto 10.10.09 - 22:10:48
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento