* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- La stella di Esther [CBR - ITA] [Tntvillage] -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent Ebooks
Descrizione
Visit this info link: Link

Visit this info link: Link



by Darayava


FONDAZIONE CASA DI ANNE FRANK


LA STELLA DI ESTHER


Eric Heuvel - Ruud van de Rol - Lies Schippers





La stella di Eshter è un fumetto ideato e prodotto dalla Fondazione Anne Frank di Amsterdam; quella di Esther è la storia di una possibile coetanea di Anne, sullo sfondo di una delle pagine più oscure della storia dell\'umanità: la Shoah, il genocidio nazista del popolo ebraico. Esther visita dopo molti anni fa fattoria dove si era rifugiata durante la seconda guerra mondiale per sfuggire alla persecuzione nazista. E un viaggio di scoperta e di conoscenza, alla ricerca delle persone che l\'hanno aiutata e che hanno condiviso il suo destino. Tra queste, i suoi genitori, trucidati ad Auschwitz. Grazie a suo nipote Daniel, e a Internet, incontrerà l\'ultima persona che li ha visti vivi. Di loro non le rimane che una vaga memoria; e un\'ultima rivelazione da parte di Helena, la sua vecchia compagna di scuola. Età di lettura: da 10 anni.


Titolo: La stella di Esther
Titolo originale Olandese: De Zoektocht
Soggetto e sceneggiatura: Eric Heuvel - Ruud van der Rol - Lies Schippers
Disegni: Eric Heuvel - Redhill Illustrations
Colori: J and M Colorstudio
Anno: 2007 prima edizione Olandese - 2009 Istituto Geografico De Agostini - Novara
Lingua: Italiana (tradotto dall’Olandese)
Traduttore: Cosimo Lorenzo Pancini - Ilaria Falorsi
Genere: graphic novel - letteratura per ragazzi
Con il patrocinio dell\'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane
Pagine: 61
Dimensione: 38,9 MB su disco (38.937.806 byte)
Formato: CBR
Scansioni: colori 300dpi di risoluzione
dimensione delle immagini: 1280 punti


L’Olocausto raccontato ai ragazzi
visto con gli occhi di una sopravvissuta


Il titolo è emblematico: la stella è il marchio della segregazione imposto dalla dittatura hitleriana, un contrassegno messo su cose e persone per creare aree simbolicamente recintate e dare inizio a un esperimento disumano, senza precedenti, nel nome della purezza etnica. Con una stella viene delineato il confine che separa il ghetto dalla città, il tedesco dall’ebreo. Anche Esther, una giovane ebrea tedesca vagamente somigliante ad Anna Frank, viene marchiata con una stella. A partire dal marzo 1942 – racconta – tutti gli ebrei sopra i sei anni furono costretti a portare addosso una stella gialla. Esther, proprio come Anna Frank, è costretta a nascondersi durante il periodo nazista. Alla prima occasione, quando le persecuzioni nei confronti degli ebrei raggiungono livelli intollerabili, la famiglia di Esther fugge nei Paesi Bassi – ritenuti un posto sicuro in quanto neutrali – rassegnandosi ad affrontare i disagi di un’esistenza precaria. Ma accade un fatto imprevisto: l’Olanda viene invasa dai tedeschi nel 1940 e anche qui gli ebrei vengono segregati e braccati. Esther riesce a mettersi in salvo, mentre i suoi familiari sono catturati e deportati ad Auschwitz. Molti anni dopo – siamo ai giorni nostri – Esther torna a visitare i luoghi della sua adolescenza e rivive con la memoria quei fatti dolorosi.
Il racconto non omette nulla, ma neppure si sofferma sui particolari indicibili dello sterminio di massa (non bisogna dimenticare che la storia è indirizzata a un pubblico di giovanissimi). È assente qualsiasi forma di voyeurismo: i dettagli cruenti restano sullo sfondo. Non mancano i riferimenti alla crudezza dei massacri, alle docce mortali nelle camere a gas, che ci fanno intuire l’abominio di una pianificazione “industriale” del genocidio. Ma l’accento è posto soprattutto sulla tragedia intima di Esther, sulla sua doverosa (e dolorosa) scelta di ricordare e raccontare, per dare uno scopo e un significato a un un’esistenza che non si è interrotta, nonostante tutto. La forma e la sostanza dell’opera sono chiaramente condizionate dall’intento didascalico: il racconto per immagini vuole essere una testimonianza credibile e coerente, per collocare nel tempo e nello spazio i fatti – separandoli dalle opinioni – senza alterare la verità storica. C’è soprattutto la volontà di spiegare la persecuzione nazista, contro ogni negazionismo, usando un linguaggio rigoroso ed essenziale che nulla concede al compiacimento iperrealista o visionario..



Aprendo e sfogliando il volume la prima cosa che si nota nel complesso sono i colori tenui, i disegni lineari, i dialoghi misurati nel minimo dettaglio. Quest’impostazione, apparentemente casuale, è stata invece fatta lucidamente allo scopo di raccontare violenze e umiliazioni calibrando la narrazione in modo assolutamente mirato: \"Usare un tratto classico, rassicurante, è una scelta ben precisa, come quella di evitare tutto il brutale e l\'inenarrabile della Shoah, perfettamente in linea con la didattica della memoria oggi\", spiega Odelia Liberanome Bedarida, coordinatrice del centro pedagogico della Ucei. Se si mostrano scene terribili si tende a rimuoverle. Perché la memoria abbia un senso, ci si deve concentrare su messaggi attuali e comprensibili.
Inventata di sana pianta ma lo stesso verosimile la sceneggiatura: la storia si apre con Esther, una giovane ebrea tedesca costretta a lasciare tutto e scappare in Olanda. Questa fuga, che la costringerà ad andarsene e a separarsi dalla famiglia per evitare il campo di concentramento, è in realtà un ricordo del suo passato: ecco infatti che poche pagine più tardi ritroviamo la stessa Esther, anziana e ormai nonna, di nuovo in viaggio ma stavolta alla ricerca di Helena, una coetanea con cui aveva stretto amicizia nei suoi anni trascorsi in Olanda. Con l’aiuto di suo nipote David e di Jeroen, il nipote di Helena stessa, Esther ritroverà i rifugi dove allora aveva trovato scampo alla persecuzione, avventurandosi in un doloroso percorso a ritroso in cui riuscirà a ricostruire, passo dopo passo, anche la morte dei propri genitori.
La stella di Esther, pensata innanzitutto per educare i lettori più giovani all’importanza e al valore della memoria, pone certo in risalto la Grande Storia ma si concentra in modo particolare, tavola dopo tavola, a quello che fu il dramma della Shoah nella vita della gente comune, dei nostri nonni e di chi allora c’era e ora non c’è più: vicini di casa che all’improvviso diventano estranei o addirittura nemici, le prese in giro a scuola, il compagno di giochi che non scende più in cortile perché non sta bene farsi vedere con gli ebrei, la privazione da un giorno all’altro del lavoro, del rispetto, degli amici, della dignità. Quello che più di 60 anni fa travolse loro vuole essere dunque, oggi come negli anni a venire, un monito per noi, ed è così che anche attraverso un semplice fumetto, creato per conservare il ricordo di qualcosa che mai più va permesso, diventa possibile quello che diceva Primo Levi: se comprendere è impossibile, conoscere è necessario.


Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash f7e576f8d3ca6e0167841c735ab83ea234f24384
Peers seeds: 4 , leech: 17
Size 37.13 MB
Completato 9x
Aggiunto 22.10.09 - 21:10:32
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento