* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- Vittorio Alfieri - Filippo - Saul [PDF - Ita] [Tntvillage] -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent Ebooks
Descrizione
VITTORIO ALFIERI

FILIPPO
e
SAUL






Vittorio Alfieri nacque il 16 gennaio 1749 ad Asti e morì a Firenze l\'8 ottobre 1803.

Considerato il maggiore poeta tragico del Settecento italiano, ebbe una vita piuttosto avventurosa, diretta conseguenza del suo carattere tormentato che lo rese, in qualche modo, precursore delle inquietudini romantiche.

Egli ripercorse il suo cammino formativo in un\'autobiografia intitolata Vita che cominciò a scrivere intorno al 1790 (l\'autobiografia era un genere di moda nel diciassettesimo secolo, valgano gli esempi delle Mémoires di Goldoni o delle Memorie del Casanova).

La Vita va però considerata come un racconto retrospettivo, una \"riscrittura\" a posteriori della propria esperienza esistenziale, dove quindi la realtà viene a volte forzata per conformarsi al pensiero dell\'Alfieri ormai poeta maturo. Non mancano infatti le componenti agiografiche, visto che il proposito latente dello scrittore è quello di rapportare la propria vita alle vicende tragiche dei protagonisti delle sue opere: fornire di sé un ritratto eroico, quello di un uomo che ha lottato contro il destino e contro la società per poter affermare il proprio talento.

Tutti questi elementi debbono indurre a valutare criticamente la narrazione della Vita, e a rianalizzare le esperienze di Vittorio Alfieri in base ai dati biografici certi, in modo da non far sovrapporre le vicende reali dell\'uomo alle \"gesta\" dell\'eroe tragico.

Nato ad Asti, dunque, da famiglia nobile, dal 1758 al 1766 frequenta l\'Accademia militare di Torino, considerata uno dei migliori collegi d\'Europa, con risultati mediocri (nell\'autobiografia di questi anni l\'Alfieri parlerà come di anni di \"ingabbiamento\" e di \"ineducazione\". A conclusione degli studi viene nominato alfiere dell\'esercito regio ed è assegnato al reggimento provinciale di Asti. Da questo momento comincia una lunga serie di viaggi: Alfieri passa da un paese all\'altro (e da un amore all\'altro) senza requie, visita prima l\'Italia e poi l\'Inghilterra, la Francia, la Prussia, l\'Olanda, la Scandinavia.

Questo continuo vagabondare termina nel 1775, l\'anno della \"conversione\" alla letteratura: rinnegando i dieci anni precedenti di \"viaggi e di dissolutezze\" l\'Alfieri torna a Torino, completa una prima tragedia, Cleopatra, e si dedica furiosamente allo studio. Il successo della rappresentazione di Cleopatra lo sprona a dedicarsi alla carriera di scrittore tragico; negli anni successivi scriverà le sue maggiori tragedie: Antigone, Filippo, Oreste, Saul, Maria Stuarda, Mirra, tra le altre.

La tragedia è la forma artistica da lui prescelta perché la più adatta a rappresentare la sua concezione della vita basata sullo scontro tra oppressi ed oppressori, tra uomini eroici e tiranni, i quali non vanno intesi come simboli del potere assolutistico o di qualsiasi altro regime realmente esistente, ma rappresentano invece tutti quei limiti che impediscono la piena realizzazione dell\'individualità umana. La libertà, che è il motivo trainante delle tragedie dell\'Alfieri, non è una libertà politica, ma una libertà esistenziale. Risulta perciò chiaro come mai l\'Alfieri scelga sempre personaggi già famosi, mitici, (Antigone, Saul, Bruto) per le sue opere e appare anche evidente la sua lontananza da quel \"dramma borghese\" che grazie a Diderot e Lessing trionfava in tutta Europa.

Nel 1777 avviene un incontro fondamentale per la vita dell\'Alfieri, conosce infatti Luisa Stolberg, contessa d\'Albany, praticamente separata dal marito Carlo Edoardo Stuart, pretendente al trono d\'Inghilterra. Nasce un rapporto che Alfieri manterrà sino alla morte e che mette fine alle sue irrequietezze amorose. L\'anno successivo fa dono alla sorella di tutti i suoi beni, mantenendo per sé solo una rendita annua e dopo vari soggiorni si trasferisce a Firenze e poi a Siena, per apprendere l\'uso del toscano che, per lui piemontese e perciò familiare all\'uso del suo dialetto e del francese, era stata una lingua morta imparata sui libri.

Gli anni che vanno dal 1775 al 1790 sono i più operosi della sua vita: oltre alle tragedie compone trattati (Della tirannide e Del principe e delle lettere) e la gran parte delle Rime. Nel 1786 si stabilisce con la fedele contessa a Parigi, dove assiste alla rivoluzione e la celebra in un\'ode alla caduta della Bastiglia, Parigi sbastigliato. Gli sviluppi della rivoluzione però, probabilmente orientati verso forme troppo democratiche per l\'Alfieri, lo deludono, come lo spaventano le manifestazioni della plebe, che non corrisponde certo al popolo da lui sognato nelle tragedie e nei trattati. Così fugge da Parigi nel 1792 e comincia, dopo la venuta dei francesi in Italia nel 1796, un\'opera dai toni decisamente antifrancesi, il Misogallo.

Tornato a Firenze, dedica gli ultimi anni della sua vita alla composizione delle Satire, di sei commedie, della seconda parte della Vita e di traduzioni dal latino e dal greco. Nel 1803, a soli cinquantaquattro anni, muore assistito dalla Stolberg. La salma si trova nella chiesa di Santa Croce a Firenze.

Note biografiche a cura di Laura Barberi.




Filippo è una tragedia in versi ispirata al Tiberius di Tacito, ideata nel 1775 da Vittorio Alfieri e pubblicata nel 1783, dopo una lunga serie di travagliate revisioni e ritocchi da parte dell\'autore, che ne ridussero la mole da oltre 2000 a meno di 1400 versi.
L\'opera si compone di cinque atti: i dialoghi sono solitamente brevi, ma intensi. In alcune scene, vi è ancora una predilezione del dialogo a scapito dell\'azione, ma già si intravedono i caratteri distintivi della drammaturgia alfieriana, come la velocità di svolgimento del fatto drammatico, l\'interruzione del verso a favore di un dialogo dal gusto moderno, la presenza della morte violenta in scena.
Filippo è il primo grande tiranno spietato e con sete di potere, ma ha una propria umanità perché consapevole che la ragione della sua infelicità è la solitudine di cui si circonda. Questo pensiero, tuttavia, non è espresso se non nell\'ultima battuta della tragedia, nella quale Filippo si interroga se la morte che ha seminato lo abbia in qualche modo soddisfatto.
La figura di Filippo domina nell\'opera, al punto che la sua sola presenza in scena proietta una sinistra ombra sugli astanti: la scelta del cattolicissimo monarca come protagonista dell\'opera fu, per l\'Alfieri, il pretesto per un\'invettiva, dal sapore del tutto massonico, non solo contro la tirannide ma anche contro la religione, avvertita come serva del potere politico. Non a caso, del resto, Filippo oppone, agli umani argomenti di Don Carlos, la ragion di stato, schermando i suoi reali sentimenti di odio verso il figlio.
Don Carlos è il primo eroe alfieriano che trova la liberazione nella morte: secondo l\'idea di rinnovamento tragico propugnato dal drammaturgo, la morte non è, però, sublimata come vuole la tradizione classicista francese, ma repentina e drammatica. Don Carlos non accompagna la scena dalla morte al dialogo, utile a smorzare i toni dell\'evento tragico in scena e a sublimare nel pathos un atto estremo, ma si spegne in due soli versi, nei quali invita Isabella ad uccidersi a sua volta per liberarsi della tirannide di Filippo.
Isabella di Valois è la prima figura femminile dell\'Alfieri psicologicamente complessa e contraddittoria. Inizialmente docile e di animo puro, diviene poi risoluta sovvertendo il proprio personaggio: a dispetto di precedenti morti al femminile, che soggiungono tramite avvelenamenti, ritenuti più adatti e nobili al gentil sesso poiché privi di sangue, Isabella si dà la morte con il ferro ed in maniera repentina, non dilungandosi in nessuna considerazione sul suo atto. Il suicidio, inoltre, non è utilizzato in funzione religiosa, con l\'intento di sottolineare un gesto che porta alla vita eterna (e al martirio) come già il teatro barocco aveva fatto, ma come libera scelta dell\'individuo e come atto liberatorio.
La morte di Don Carlos ed Isabella funge da premessa alla rappresentazione della morte violenta in scena, che il retaggio classicista aveva interdetto in nome del buon gusto: dall\'esempio alfieriano, le morti violente e volontarie riempiono le scene italiane con una netta predilezione dell\'azione sul dialogo.




Saul è una tragedia di Vittorio Alfieri in endecasillabi sciolti strutturata in cinque atti. La vicenda, tratta dalla Bibbia, è incentrata sulle ultime ore di re Saul nell’accampamento militare di Gelboè durante la guerra contro i Filistei.
Nella narrazione, l\'Alfieri si è attenuto all’unità di tempo (un giorno), di spazio (Gelboé) e di azione, prettamente aristoteliche.
Ideata e composta nel 1782, il poeta astigiano, dedicò la tragedia all’amico Tommaso Valperga di Caluso, docente di greco e di lingue orientali.
Saul, un coraggioso guerriero, fu incoronato re di Israele su richiesta del popolo e consacrato dal sacerdote Samuele, che lo unse in nome di Dio. Col tempo, però, Saul si allontanò da Dio finendo per compiere diversi atti di empietà. Allora Samuele, su ordine del Signore, consacrò re, un umile pastore: David. Questi fu chiamato alla corte di Saul per placare con il suo canto l’animo del re, e lì riuscì ad ottenere l’amicizia di Gionata, figlio del re, e la mano della giovane figlia di Saul, Micol.
David generò però una forte invidia nel re, che vide in lui un usurpatore e al tempo stesso vi vide la propria passata giovinezza. David venne perseguitato da Saul e costretto a rifugiarsi in terre dei filistei (e per questo accusato di tradimento).
La vicenda del Saul narra le ultime ore di vita del re e vede il ritorno di David, che da prode guerriero è accorso in aiuto del suo popolo, pur sapendo bene il rischio che ciò poteva comportare per la sua vita. David è pronto a farsi uccidere dal re, ma prima vuole potere combattere con il suo popolo.
Saul vedendolo lo vuole uccidere, ma dopo averlo ascoltato si convince a dargli il comando dell’esercito. David ad un certo punto commette però un errore, parlando di “due spade” in Israele, e ciò genera il delirio e scatto omicida di Saul verso il giovane. Saul poi spiega a Gionata la dura legge del trono, per la quale “il fratello uccide il fratello”, mettendolo in guardia da David. Davanti al re arriva il sacerdote Achimelech, che porta a Saul la condanna divina e lo mette al corrente dell’avvenuta incoronazione di David. Il re lo fa uccidere, e da lì egli andrà sempre più verso il delirio.
Nell’ultimo atto, Saul prevede in un incubo la morte sua e dei suoi figli e con una visione piena di sangue si ridesta, e coglie la realtà dei fatti: i Filistei li stanno attaccando, e l’esercito israeliano non riesce a difendersi. A questo punto Saul ritrova sé stesso, e con la morte riconquista la sua integrità d’uomo e di re.




Autore: Vittorio Alfieri
Titolo: Filippo
Curatore: Nicola Bruscoli
Anno: 1783
Lingua: Italiano
Genere: Tragedia
Numero di pagine: 41
Dimensione del file: 225 KB su disco (221.942 byte)
Formato del file: Pdf


Autore: Vittorio Alfieri
Titolo: Saul
Curatore: Nicola Bruscoli
Anno: 1782
Lingua: Italiano
Genere: Tragedia
Numero di pagine: 45
Dimensione del file: 184 KB su disco (183.702 byte)
Formato del file: Pdf
[b]


Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash fa721df835f84a3c21eb064645842a7be70578c7
Peers seeds: 3 , leech: 2
Size 396.14 KB
Completato 80x
Aggiunto 21.11.09 - 10:11:00
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento