* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- (JazzPlanet) Herbie Hancock - Head Hunters (1973) (Eac SFlac Cue) (UF) -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent Musica
Descrizione

Herbie Hancock - Head Hunters (1973)






Artist: Herbie Hancock
Title: Head Hunters
Genre Jazz
Styles Jazz-fusion, Jazz-funk
Released October 13, 1973
Recorded San Francisco, California
September 1973
Length 41:34
Label Columbia/Legacy
Producer Dave Rubinson Herbie Hancock
Source: Original CD
Size Torrent: 258 Mb
Covers Included


Extractor: EAC 0.99 prebeta 4
Read mode               : Secure
Utilize accurate stream : Yes
Defeat audio cache      : Yes
Make use of C2 pointers : No
Codec: Flac 1.2.1;  Level 8  
Single File.flac, Eac.log,
File.cue (Noncompliant)
Accurately ripped (confidence 60 )



Track Listing

1. \"Chameleon\" (Hancock/Jackson/Mason/Maupin) – 15:41
2. \"Watermelon Man\" (Hancock) – 6:29
3. \"Sly\" (Hancock) – 10:15
4. \"Vein Melter\" (Hancock) – 9:09



Personnel:

Musicians

      Herbie Hancock
o Fender Rhodes electric piano
o Hohner D6 clavinet
o ARP Odyssey synthesizer
o ARP Soloist synthesizer

      Bennie Maupin
o Soprano and tenor saxophones
o Saxello
o Bass Clarinet
o Alto flute

      Paul Jackson
o Electric bass
o Marímbula

     Bill Summers
o Congas
o Shekere
o Balafon
o Agogo
o Cabasa
o Hindewho
o Tambourine
o Log drum
o Surdo
o Gankogui
o Beer Bottle

      Harvey Mason
o Yamaha drums





Preview songs

http://www.allmusic.com/cg/amg.dll?p=amg&sql=Aow2zefwk7gf4

http://www.goear.com/listen.php?v=1b393fe


audio/video

http://www.youtube.com/watch?v=yy0qsrny58I&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=jo5GcYeh7XA&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=UbFlv2H5OnA&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=MmgTsX8XinI&feature=related


bio

HHerbie Hancock poliedrico pianista e tastierista, è una delle figure più rispettate e controverse della scena jazz. Dopo un\'infanzia da bambino prodigio del pianoforte, nel 1961 Herbert Jeffrey \"Herbie\" Hancock (1940, Chicago, Illinois, Stati Uniti) esordisce nel gruppo di Donald Byrd e subito si impone anche come solista grazie ad alcune celebri composizioni come Watermelon Man, Cantaloupe Island e Speak Like A Child. Dal 1963 al 1968 fa parte del Miles Davis Quintet, introducendo il piano elettrico nella musica del geniale trombettista. Da pioniere del jazz elettrico, sviluppa un forte interesse per l\'elettronica a partire dagli anni \'70, conducendo esperienze musicali avanguardistiche con diversi gruppi in ambito jazz rock, funk e perfino dance. Nell\'arco della sua lunga e intensa carriera suona con tutti i maggiori esponenti del mondo jazzistico (nel 1975 forma i V.S.O.P., vale a dire Very Special Onetime Performance, con Ron Carter, Tony Williams, Wayne Shorter e Freddie Hubbard) e le sue molteplici attività si dividono tra jazz acustico, sperimentazioni elettriche, techno-pop (è del 1983 il grande successo commerciale intitolato Rockit) e partecipazioni a colonne sonore (fra le altre, Blow Up di Michelangelo Antonioni del 1966, Round Midnight di Bertrand Tavernier del 1986, Colors di Dennis Hopper del 198. Anche nella decade degli anni \'90 la sua versatilità, curiosità e capacità di rinnovamento non mostrano segni di stanchezza. Alcuni album rappresentativi: Takin\' Off (1962), Maiden Voyage (1965), Fat Albert Rotunda (1969), Head Hunters (1974), Jazz Africa (1986, live), Perfect Machine (198, New Standard (1995), Gershwin\'s World (199.

____________________________________________________________________________________________________________________________

Anni prolifici per Herbie, i primi settanta: dopo essersi sposato, credendo (tapino!) di aver trovato una ‘gig’ stabile con Davis, vero camaleonte e volubile datore di lavoro, per un animo quadrato e preciso come Herbie, mentre quest’ultimo era in viaggio di nozze in Brasile intento a godersi il sole ed a scoprire ‘piccolezze’ come Milton Nascimento, viene rimpiazzato in corso d’opera da Chick Corea!!!

Al ritorno, bere o affogare, si ritrova quindi giocoforza… ‘leader del proprio destino’ ed inizia così a lavorare in giro e ad incidere una serie di lavori uno più bello e contaminato dell’altro, raggiungendo l’apice assoluto (quanto a ‘funkyness’ e successo di vendite planetario) con ‘Head Hunters’ (comperatevelo a scatola chiusa, se non lo avete, e scoprite un’altra perla meravigliosa ed indispensabile). Durante questo periodo di ‘trip’ psichedelico, Hancock sperimenta varie formazioni, differenti dimensioni musicali, tutte egualmente affascinanti, nuove e fresche.

Nei due lavori in questione troviamo varie cose ragguardevoli, quali l’elettrificazione spinta, l’uso preponderante del piano Fender, del basso elettrico ed una riuscita contaminazione tra la musica popolare nera ed il jazz, testimoniata da vendite cospicue, sia nel periodo che in seguito e sino ad oggi, grazie anche all’oggettiva orecchiabilità e cantabilità dei pezzi e dei ritornelli. Sotto questo aspetto, H. H. è riuscito a… ‘centrare gli obiettivi aziendali’ decisamente meglio del maestro caposcuola Miles. Che comunque in un certo periodo dei primi settanta finì addirittura a suonare da… spalla, da ‘opening act’ per la superstar Hancock: leggenda narra che quando Herbie la prima sera del tour andò a salutarlo nel camerino, non dimentico comunque di chi fosse veramente Miles, si beccò diretto un bel ‘… whaaat? Get the fuck out of here… ’ !!!
Ma veniamo a \"Head Hunters\":
Per me questo disco è una pietra miliare della musica!
il disco funk/jazz/fusion per eccellenza!
si basa su una azzeccatissima unione di musica popolare nera e jazz... cosi vicini ma cosi \"messi in conflitto\" dalla critica che applicava un certo intellettualismo inutile e decostruttivo.
Questo disco è caratterizzato da un uso massiccio di piano fender e basso elettrco: ciò elettrizza molto il disco e, grazie alla fantasia del mitico hancock, crea atmosfere uniche. Ritmiche creative, esagerazioni, fusione del classico con l\'innovativo.
Basterebbe una sola parola per definire questo album, ma ciò renderebbe la recensione scarna e poco intrigante. Bene cominciamo, la prima traccia che incontriamo è “Chameleon” un funk puro costruito su un basso incalzante, una batteria nervosa, una chitarra leggera, quasi sussurrata, la tastiera ritmata con wah e infine i fiati a disegnare un tema coinvolgente.

A seguire troviamo “Watermelon Man” dall’atmosfera più distesa e con un gusto delicato, meno movimentata della precedente, che conserva però un ritmo ben marcato. La terza composizione è “Sly” divisa in quattro sezioni: nella prima Hancock ci accompagna in un viaggio in un luogo fantastico, armonioso per poi risvegliarci di soprassalto con la seconda sezione animata da un sax indiavolato e da una ritmica jazz/tribale. La terza riprende lo stile della seconda e lascia spazio ad un elegante assolo di tastiera che si chiude con il tema iniziale della canzone, lasciandoci con un dolce sapore. La quarta e ultima traccia “Vein Melter” si apre con una melodia rarefatta che lentamente cresce di intensità, fino a portarci con la mente in un ambiente immaginario, dove a farti sognare sono gli strumenti.
Eccezionale.

Riporto un pezzo di un\'intervista a Herbie Hancock:

Q>Negli ultimi trent\'anni si è diviso tra il versante acustico e quello elettrico, dove è considerato egualmente un innovatore. Come ha alternato i due percorsi?

A>Lasciando unicamente fare alla mia motivazione. Oppure trovandomi d\'accordo su cose che sentivo da altri musicisti. Sin da ragazzino le mie passioni sono state la musica e le scienze applicate, fu per questo che nel 1971 elaborai il mio primo album elettrico (Crossings, uscito per la Warner Bros, ndi), restando affascinato e non impaurito dalle possibilità offerte dai sintetizzatori. All\'epoca dovetti assimilare molta tecnologia nuova, adesso invece cerco di mischiare le cose utilizzando un po\' dell\'approccio al pianoforte quando sono davanti a una tastiera elettrica e viceversa. In fondo la sensibilità è la medesima.

Top 100 Jazz CDs
The Best Jazz Ever Released on CD
to 33 place
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://trackedbyet.info:420/announce
Hash b1589a0a9afc64a535af3e6ff1f75d706ddb51ca
Peers seeds: 38 , leech: 9
Size 258.19 MB
Completato 126x
Aggiunto 05.01.10 - 16:01:12
Uploader   ultimafrontiera
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento