* Dettagli Torrent   globale  | Commenti (0) 


- Giuseppe Cesare Abba - Cose vedute [Pdf Ita] [TNTvillage] -


Download via torrent:
                 
Categoria bittorrent Ebooks
Descrizione
Giuseppe Cesare Abba - Cose vedute [Pdf Ita] [TNTvillage]

GIUSEPPE CESARE ABBA

COSE VEDUTE

Novelle












Giuseppe Cesare Abba nacque a Cairo Montenotte (provincia di Savona) nel 1838.

Dopo una prima formazione presso gli Scolopi, si iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Genova, dove studiò per qualche tempo.

Nel 1860 si arruolò con Garibaldi partecipando alla spedizione dei Mille, esperienza fondamentale nella sua biografia, rievocata in molte delle opere.

Nel 1862 si stabilì a Pisa; qui compose i due poemi In morte di Francesco Nullo (1863) e Arrigo. Da Quarto al Volturno (1866). Come garibaldino partecipò anche alla terza guerra di indipendenza (1866).

Nel 1867 si stabilì a Cairo Montenotte ricoprendo incarichi nell'amministrazione del comune. In questi anni scrisse il romanzo storico Le rive della Bormida nel 1794 (1875) e la prima stesura della sua opera più nota Noterelle d'uno dei Mille edite dopo vent'anni (1880). Redatto in forma di diario, il testo rievoca la vicenda garibaldina in toni celebrativi; la distanza di tempo tra i fatti e la stesura dell'opera contribuisce a dare un tono idealizzato alla storia.

L'opera di Abba fu apprezzata da Carducci, con cui lo scrittore strinse un rapporto d'amicizia; Carducci lo aiutò in seguito ad impiegarsi come professore di lettere nel liceo di Faenza dal 1881 al 1884. In questi anni Abba scrisse i racconti raccolti in Montenotte, Dego e Cosseria (1884) e Cose vedute (1887), oltre alla raccolta di versi Romagna (1887).

Nel 1884 si trasferì a Brescia; nell'ultimo periodo della sua vita si dedicò alla stesura di opere divulgative sulla storia garibaldina (Storia dei Mille narrata ai giovinetti, 1904; Cose garibaldine, 1907) e manuali per la scuola e per l'esercito. Le ultime raccolte di versi hanno il titolo di Dogali (1887) e Vecchi versi (1906).

Morì a Brescia nel 1910.





Perchè la sua famiglia me ne ha gentilmente pregato, io parlo qui di Giuseppe Cesare Abba, al quale è quasi superflua la mia parola, perchè nessuno, in quello che lasciò scritto, e in quanto operò, espresse più chiaramen­te sè stesso, in forma che gli era connaturale, senza grandiosi gesti oratori, e senza quelle orpellature che ri­splendono più dell'oro. Cedo dunque al desiderio dell'af­flitta famiglia, ma parlando di quest'uomo e di questo scrittore, come so, vorrei risparmiarmi le frasi, il che non è facile ai tempi che corrono. La nudità aitante, qua­ si inconsapevole, e pur tesa in un vigile proposito, quale apparisce in ogni muscolo del David michelangiolesco, mi torna a mente allorquando ripenso al mio amico, che mirò sempre, nella vita e nell'opera letteraria, a un'ardua altezza ideale. Come scrittore egli non dette quanto avrebbe potuto, se gli fosse stato concesso un più largo respiro d'agiato riposo e di libertà. Prima le guerre del­l'indipendenza, poi le cure della famiglia crescente, gli obblighi della scuola secondaria governativa, lo avvol­sero in maniera da impedire al poeta e all'artista la gran­dezza di cui eran capaci. E anche in questo sacrifizio del proprio ingegno, anche in quello che gli apportò di logo­ramento e di pena, pazientemente sofferta, fu eroe. Vero eroe, tutto in sè, non capitan Fracassa, non d'Artagnan, e neanche il rozzo Fanfulla da Lodi, ma conformato, com'egli era, alla gentilezza del sentimento romantico e cristiano, il D'Azeglio, se mai, avrebbe riconosciuto in lui il modello vivente del suo Ettore Fieramosca. Del resto riscontrasi in tutti i tempi quasi una somiglianza di famiglia fra certi tipi, e anche l'antichità classica ne la­sciò un esempio scultorio nell'Achille di Omero. Spo­gliando il Pelide della forza sterminatrice del mito, l'uo­mo che piange e s'adira sì passionatamente per l'ingiu­stizia patita e per la morte di Patroclo, è fratello a ognu­no che sortì da natura generosità straordinaria d'affetti. Se non che una simile generosità aveva nell'Abba carat­tere singolare dalla bontà del suo cuore lirico, impulsi­vo, ma sottoposto al freno della coscienza. Pareva, par­ lando e operando, temer sempre d'offendere quella che credeva la parte immortale e divina di sè: il suo intimo io.
Tale essendo, egli potè scolpire se stesso nel proprio stile dopo essere stato parte, egli pure, di quella grande coscienza che accolse, in un'idea e in una prova titanica i più eletti cuori d'Italia, e ne rifece le sorti.
(MARIO PRATESI - Prefazione)






Autore: Abba, Giuseppe Cesare
Titolo: Da Quarto al Volturno
Curatore: Cenzato, Giovanni
Anno: 1880
Lingua: Italiano
Genere: Storico
Numero di pagine: 96
Dimensione del file: 606 KB (604.383 byte)
Formato del file: Pdf

NOTE: ALLA EDIZIONE ELETTRONICA HANNO CONTRIBUITO:
Claudio Paganelli
REVISIONE:
Claudio Paganelli
PUBBLICATO DA:
Alberto Barberi
DIRITTI D'AUTORE: no
LICENZA: questo testo è distribuito con la licenza
specificata al seguente indirizzo Internet:
http://www.liberliber.it/biblioteca/licenze/
TRATTO DA: Da Quarto al Volturno: Noterelle di uno dei Mille
di Giuseppe Cesare Abba,
Presentazione di Salvator Gotta,
commento a cura di Giovanni Cenzato,
Mursia Editore, Milano, 1967


Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/
Info: Per scaricare devi usare un client come uTorrent, o Azureus
AnnounceURL
http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce
Hash 139ab5d40de058edcc6bef261aee6978d6a62ce8
Peers seeds: 13 , leech: 1
Size 1.22 MB
Completato 239x
Aggiunto 03.12.11 - 17:12:31
Uploader   darayava
Votazione (Voti: 0)


Condividi questo bittorrent:


html/blog:


bbcode/forum:


Tramite bookmarks:



Aggiungi Commento